header image
 

Ahi serva Italia!

 

 

Spesso ho detto di non voler parlare di politica; poi mi accorgo che, in fondo, ne parlo sempre, perciò non lo dirò più d’ora in poi, ed anche oggi parlerò di quello.

 

Il cavaliere senza cavallo ha deciso di rovesciare il tavolo. Da principio era parso che gli premesse solo la sua propaganda elettorale, con l’abolizione della IMU prima casa, provvedimento validissimo per chi stenta a pareggiare il bilancio familiare ma populista ed idiota verso chi, come me (non credo di dovermene vergognare dopo una vita al servizio dell’umanità), se la può permettere, evitando in tal modo di mettere in crisi i servizi sociali dei comuni. Ora si è capito molto bene che l’unica cosa che gli sia sempre premuta è quella del proprio comodo, al di sopra ed al di là delle leggi che regolano la vita dei comuni mortali perché lui, lo sponsor, il cocco ed il protetto-protettore di Bettino Craxi (altro noto galantuomo che però, forse, un po’ di senso dello Stato lo aveva) si sente in diritto, quale Dio in terra, di rispondere solo alla propria legge. In questo poi ha pure un po’ di ragione: infatti Lui non ha elettori, ha dei “fedeli”, quelli che giureranno sempre, al di là di ogni evidenza, sulla sua probità e pure sul suo diritto a “divertirsi come meglio crede”; ed ha anche degli iloti, proni al suo volere ed obbedienti ad ogni cenno. Non mi dolgo che si dimettano da ministri. Nel mio intendere un ministro è una personalità preposta al comando per il bene del popolo, un uomo di valore sopra le parti, non uno che prende ordini da un tizio qualsiasi, anche se (ancora per poco, spero) senatore della Repubblica.

 

C’è pure poi qualcuno, forte di un 25 per cento di consensi, che non ha pudore a dire di essere fautore del tanto peggio tanto meglio. Qualcuno che pensa di potersi avvantaggiare del caos e delle sofferenze di un Paese che verrà perfino privato, in sostanza, della residua sovranità e, se tutto va bene, sottoposto alla guida della cosiddetta troika, come la povera Grecia. A quel qualcuno ho da dire una sola parola: VERGOGNA!

 

Al Presidente della Repubblica, buon nonno d’Italia e bravissima persona, voglio solo rimproverare la superficialità con la quale non ha saputo intravedere i tempi bui cui si andava incontro quando ha favorito la permanenza al potere di forze potenzialmente eversive, dando tempo prima alla compravendita dei parlamentari, poi ad un anomalo governo che ha fiaccato il consenso alle forze progressiste ed, in ultimo, favorendo il formarsi dell’attuale pataracchio.

 

Posso permettermi di invocare un governo Rodotà? Però senza Guru che comandano da fuori, ve ne prego! Cerchiamo di uscire da questa melma, costi quel che costi, e poi torniamo al voto con una legge vera e con partiti veri. Allora non ci sarà niente di male se dei veri rappresentanti del popolo, delegati ad amministrare le centinaia di miliardi di Euro delle NOSTRE tasse, guadagneranno quanto un normale dirigente di banca e se un equo finanziamento (per chi conosce l’aritmetica elementare, si tratta di pochi spiccioli a contribuente) ci possa fare da baluardo contro chi si potesse permettere ricche campagne di persuasori occulti a favore dei Paperoni di turno se non, addirittura, a favore di forze esterne agli interessi nazionali ed europei.



~ di Blog Admin on 29 Settembre 2013.

5 Risposte to “Ahi serva Italia!”

  1. Sul deprecato FB ho trovato un bel gruppetto di scribacchini matti quanto e più di me e stiamo abbastanza bene insieme. Qui passo di rado anche perchè dei vecchi amici ne sono rimasti pochi se non pochissimi. Ho provato a riaprire il Blog e, per il momento, arriva solo un modesto numero di spam che pubblicizza… oroscopi, e per adesso ci possono anche stare. La legge di stabilità (ma quale?) è in corso e vedremo cosa succederà. Mi piace poco ma… chissà, forse hanno ragione loro. Il PD guadagna qualche voto e ricomincia a fare trionfalismi idioti e litigi ancora più devastanti che lo porteranno, quando sarà, a perdere ancora le elezioni. Il Guru capelluto continua ad avere un certo successo come tutti i guru in quest’epoca tardo medievale. Il Porcellum campa tranquillo e mi sa che nessuno vuol farne salsicce. Gli emigranti continuano ad affogare e i mercanti di schiavi a arricchire. Ma quant’è bello ‘sto terzo millennio! Cazzo.

  2. Che ha la faccia come il culo???? eccerto che si può e si deve dire! Un applauso grande alla coraggiosa Paola de Pin!!!!

  3. Beh, hai visto cosa è successo oggi? Il cavaliere senza cavallo ha sparigliato di nuovo| Che faccia tosta! Mi verrebbe da dire che è come il … no, non si può dire.
    J.

  4. Letto!Io sinceramente non ho nulla da dire perchè ho troppo da dire! Oggi al mercato rionale quasi si azzuffavano rivenditori e clienti…e quale sconforto nel sentire queste casalinghe difendere ( ANCORAAAAAA) quell’essere che povero… è parecchi giorni che non dorme! Io son due anni che non dormo e in qualche misura è responsabile lui! Hai visto ieri report?e hai visto l’altro giorno striscia la notizia dove i consiglieri siciliani erano contrari alla decurtazione delle stipendio di 11000euro mensili, perchè…con grande faccia tosta sosteneva che non potevano vivere con solo 11000 rimanenti….e saranno anche gli stessi che non pagheranno l’imu sulla prima casa…Posso invocare…ahi….non posso dirlo!!!

  5. eh eh ci seiiii ! Ritorno! :-)